Contattaci

02 2440278

Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10 - 13

Email

info@dirittilavoro.it

Home Articles posted by Andrea (Page 15)

Author: Andrea

Secondo la recente pronuncia della cassazione n. 17371 dello scorso 16 luglio 2013, il rendimento lavorativo inferiore al minimo contrattuale non integra in se l’inesatto adempimento che consente il licenziamento per scarso rendimento, dato che il lavoratore non è obbligato al raggiungimento di un risultato e l’inadeguatezza della prestazione può essere imputabile alla stessa organizzazione dell’impresa o a fattori non dipendenti dal lavoratore. Conseguentemente, in relazione allo scarso rendimento, il datore di lavoro che intenda farlo valere quale giustificato motivo soggettivo...

Come noto, nelle imprese di grandi dimensioni (qualificate dal legislatore come quelle che occupano alle proprie dipendenze più di 15 lavoratori), allorchè il datore di lavoro intenda operare una riduzione di organico legata a calo o trasformazione di attività con più di cinque licenziamenti nell’arco di 120 giorni, deve essere osservata una specifica procedura di cui alla L. 23 luglio 1991, n. 223, che prevede il coinvolgimento delle organizzazioni sindacale con lo scopo di analizzare e se possibile ridurre gli...

La Corte Costituzionale è intervenuta sul dovere di specificazione del datore di lavoro del nominativo del lavoratore sostituito in caso di stipula di contratto di lavoro a termine con finalità, appunto, sostitutive. Si era infatti posta la questione sulla legittimità costituzionale della norma sul contratto a termine, laddove non prevede espressamente per il datore di lavoro l’obbligo di specificazione del nominativo del lavoratore sostituito. Come noto la giurisprudenza sul punto è ormai pressochè unanime nell’affermare che “in forza del requisito della specificazione...

Il 19 Giugno 2013 entra in vigore il nuovo codice di comportamento dei dipendente pubblici con DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 doveri minimi di diligenza, lealta', imparzialita' e buona condotta che i pubblici dipendenti sono tenuti ad osservare. Il quale riguarda non solo i 3,3 milioni di dipendenti della Pubblica Amminstrazione ma anche il consulenti e familiari. Le principali novità con l’applicazione del codice (il terzo per la P.A., ma il primo emanato con Dpr), riguardano il divieto...

La domanda se il lavoratore, durante la Cassa Integrazione, maturi il diritto a ferie o permessi si è posta in giurisprudenza già da un ventennio ma tuttavia, in questo periodo di crisi e massiccio utilizzo di tale ammortizzatore sociale, è tornata quanto mai d’attualità. Partendo dal presupposto che le ferie hanno la funzione di consentire al lavoratore il ripristino delle energie lavorative, durante la sospensione totale del rapporto dovuta all’intervento della Cassa Integrazione Guadagni, la giurisprudenza ha escluso che il lavoratore...

Si, è possibile! Ma ad alcune condizioni. Ebbene, sulla possibilità di licenziare un lavoratore per aver fruito di una pausa caffè si sono espresse la corte di cassazione (sent. 7829/13) e il Tar Trentino con sentenza del 9 gennaio 2013. Proprio secondo quest’ultimo “è regola di diligenza e di corretto sentire il proprio ruolo presentarsi sul luogo di lavoro immediatamente pronti a svolgere, sin dal primo istante, le proprie incombenze attenendosi ai doveri anche formali ed esteriori che le caratterizzano: non...

La sezione lavoro del tribunale di Brescia, con la sentenza n. 311 del 28 marzo 2013, ha affermato che l’ente ospedaliero privatizzato è tenuto quale datore di lavoro a risarcire in solido per inadempimento dell’obbligo di sicurezza e vigilanza il danno biologico e professionale per il mobbing procurato al medico dipendente dal superiore gerarchico, avallandone il reiterato comportamento vessatorio, persecutorio e maltrattante, pur essendone a conoscenza, e senza essersi attivato per farlo cessare. La fattispecie: un medico conveniva in giudizio l’ospedale...

Il 24 gennaio 2013 la Cassazione, con sentenza n. 1693, è intervenuta sulla questione legata all’individuazione dei limiti con cui il lavoratore, esercitando una forma di auto-tutela (ovvero, utilizzando una forma di difesa diretta e immediata, senza richiedere l’intervento di un giudice del lavoro), si è rifiutato di svolgere l’attività lavorativa, perché il datore di lavoro, nel corso dei mesi precedenti, gli aveva affidato mansioni progressivamente sempre più demansionanti. Nel corso del tempo, poi, il datore di lavoro aveva iniziato...

La Corte di Cassazione si è pronunciata lo scorso settembre 2012, con la sentenza n. 16375 a proposito della legittimità di un licenziamento per giusta causa di un lavoratore sorpreso, durante il periodo di malattia, a svolgere un altro lavoro. La questione ha aperto il dibattito sul quesito cosa può o cosa non può fare il lavoratore durante la malattia. È evidente come il comportamento del lavoratore durante la malattia deve essere improntato a criteri di correttezza, volta anche al recupero...

La riforma del Lavoro proposta dal Ministro Fornero interviene su alcuni aspetti della disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato. In primo luogo, viene introdotta la possibilità per le aziende di stipulare un primo contratto a termine, purché di durata non superiore a 12 mesi, senza dedurre in contratto alcuna motivazione. In precedenza, l’azienda che non adduceva un motivo di apposizione del termine al contratto di lavoro e che non fosse in grado di dimostrarne in giudizio la sussistenza,...